Posts Tagged ‘digitalizzazione’

La nuova Digital library delle Nazioni Unite UNDL

20 maggio 2017

E’ notizia del 18 maggio che le Nazioni Unite hanno appena inaugurato United Nations Digital library (UNDL) la biblioteca digitale istituzionale.
biblioteca digitale delle nazioni unite logo
La biblioteca digitale, che ad oggi contiene più di 860.000 record, è frutto del partenariato tra la Dag Hammarskjöld Library, la biblioteca del quartier generale delle Nazioni Unite a New York e gli uffici della biblioteca delle Nazioni Unite a Ginevra.
UNDL permette di accedere ai documenti prodotti da tutte le agenzie UN ove possibile in full text, mappe, discorsi (speeches) e risultati delle votazioni. Assolve anche a obiettivi di preservazione digitale a lungo termine dei documenti prodotti dalle Nazioni Unite.
Sebbene, ad esempio, la biblioteca della Sede di Ginevra utilizzi il discovery tool Primo, la UN Digital library si basa su una tecnologia open source sviluppata dal Cern di Ginevra. Questo spunto a me pare molto interessante, e sarebbe utile saperne di più.
I record presenti nella biblioteca digitale sono esportabili nei formati BibTeX, MARC (quale?), MARCXML, Dublin Core, EndNote, NLM e RefWorks.
Apparentemente il database non è compliant con il plugin di Zotero, mentre lo è con Mendeley.

Annunci

Leggendo BiblioTECH di John Palfrey

21 agosto 2015

palfrey-bibliotech

Le riflessioni di un “feral”

Perchè leggere questo saggio di John Palfrey?
Intanto perchè è un testo brillante, appassionato, di taglio teorico e sguardo lungo.
Palfrey – già direttore di DPLA (Digital Public Library of America) non è un bibliotecario ma un esterno, un “feral” che ha occasione di lavorare nelle biblioteche mantenendo, come punto di forza secondo me, una prospettiva obliqua rispetto a miti e riti della biblioteconomia.

Le biblioteche in pericolo. Salviamole (da loro stesse)

La biblioteca è per l’autore un “safe space on a hot day“, un luogo “terzo” accogliente per tutti ma anche un luogo seriamente in pericolo.
La consapevolezza del pericolo che le biblioteche stanno correndo, in un ecosistema informativo in radicale trasformazione dominato dalle grandi corporation for-profit (Google e Amazon), non spinge l’autore a una retorica difensiva anzi. Le pagine a mio avviso più efficaci del libro sono quelle in cui viene preso di petto il tema della nostalgia, ovvero dei danni gravi che biblioteche provocano a loro stesse evocando, in un periodo in cui tutto cambia, la nostalgia dell’idea archetipica di biblioteca.

Leggi il seguito di questo post »